24 Dic 10

La pasquinata della Vigilia di Natale non poteva che essere una preghiera per il futuro di questo Paese o – per lo meno – affinchè per qualche tempo si possa smettere di sentire le uscite vanagloriose del Sultano del Consiglio. Il pasquinante, che si firma Poro Cristo, ci regala questa splendida preghiera in versi romaneschi, che entra di diritto e prepotentemente nella tradizione più autentica del Pasquino.

DIVOZZIONI

Bon Natale! Com’è bello
co l’amichi, li parenti…
Ciariesci, Bambinello,
a nun fa sentì lamenti
der Caimano mezzo cotto
che ce parla de comprotto?

Ciariesci pe le Feste
a nun faccelo sentì
co quello sfonno celeste
che ce fa “Ghe pensi mi”
o ce strilla: “Che bellezza,
mo ve levo la monnezza!”?

Quer mezz’omo che fa l’onto
possa, sì, campà cent’anni
ma Te prego, Pupo Santo,
de nun faje fa più danni
a fedeli e patarini
che nun vonno più casini.

Nun sia mai vedello steso…
Più de cento vedovelle
piagnerebbe già quer Creso.
Pe nun fasse monachelle,
strillerebbe: ”Li mortacci,
mo ce lassi annà pe stracci?”

Bambinello, ’n’orazzione:
a Bertone co Bagnasco
dije che l’adorazzione
de le sete, der damasco,
de lo gnomo cor quatrino,
nun se sposa cor Divino.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento