23 Nov 10

Un Pasquinotto in grande spolvero è l’autore di questi versi romaneschi, grande sunto dei mali italici del momento, sempre prontamente negati da chi dice che “tutto va bbene”.

TUTTO VA BBENE

Li conti co l’Europa? Semo fora
e nun ce sta più manco lo stellone
ma sor Berlusca, Fede, Lele Mora
ce dicheno che tutto va benone
pe’ via che co ‘sta gente – che trovata –
arivedemo ‘na tele-trojata.

Trojata, sì, puro ner matrimonio
der Vaticano co’ la mafia: vanta
er sor Berlusca ‘sto ber pinzimonio,
‘ndove che certi “pezzi da 90”
ar muro cianno appesi li santini
e li fanno bacià da l’assassini.

Epperò, troppe toniche de pezza
se stanno zitte, vonno li quatrini
puro da quelli – penza che bellezza –
che scriveno, che manneno pizzini.
E nun abbasta: no p’er galantuomo
l’assoluzzione viè, ma pe lo gnomo.

Dar bonzignore de quella biastima
ar tutti zitti su la porca cricca,
lo gnomo t’arisiste su la cima,
abbasta che la berta je fa ricca:
cliniche, scole, feste finanziate
eppoi le tasse tutte dispenzate.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento