11 Ott 10

Il Guardiacaccia ci scrive una pasquinata su uno dei fatti “politici” della settimana passata, l’insulto di Bossi (qui paragonato al soldato Rodomonte dell’Orlando Furioso) ai romani, cui sono seguite quelle scuse che lo stesso autore dei versi preconizza nel finale.

L’INSULTO DI BOSSI A ROMA

Rodomonte era un soldato
Tu lo sai un po’ esaltato
Che con grande sicumera
Insultava la bandiera.

Or si può qui meditare
Che l’insulto può bastare
Ma un cretino non sa senza
Se non tocca la pazienza.

Bossi è noto è un po’ esaltato
E sul fatto ci ha giocato
Non ti devi preoccupare…
Che le scuse… deve dare.


Categoria: Pasquinate dei lettori

Trackback Uri



Lascia un commento