21 Lug 10

La pasquinata romanesca di oggi non riporta la firma dell’autore, che tuttavia parla “in veste” di un soldato italiano di stanza in Iraq: scrivendo in prima persona, l’autore se la prende con Umberto Bossi, col suo passato poco compatibile con una carica da ministro e con il figlio neo-politico.

Una pasquinata decisamente arrabbiata e in dialetto abbastanza stretto.

BOSSI ER TRADITORE

Er cacabbannera già tajana
condannato per vilipendio ana
premiato da du stronzi pe sto reato
dar capo der guverno e de lo stato
fatto ministro e ttanta autorità
da dà ar fijo un posto pe mmagna’
senza penza’ a li padri de famija
e er popolo in culo se la pija
fa pparte d’un guverno ira de ddio
ca ffatt’ammai’ pori irachemi fijo
se sa’ tutto mo’ anche su Nassiria
nissuno se move per sta porcheria.
Er zangue co vverzato là in guerra
co li compagni mo’ ssotto terra
sta mmerda de ministro maganzese
me rode vedello spesso ner paese.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento