11 Giu 10

Il Pasquinotto ci presenta oggi una lunga pasquinata in versi romaneschi, che rilette sulla funzione del Pasquino e conclude ricapitolando qualche vicissitudine recente del governo. L’esordio cita invece l’ultimo restauro: a tal proposito ci teniamo a sottolineare che una nuova bacheca è comparsa accanto alla statua, andando a sostituire quella divelta da ignoti un paio di settimane fa.

PASQUINO ARISISTE

Si me smicci, me vedi ripulito,
quarcuno dice puro restaurato,
epperò nun me so rimbecillito
e pe davero nun me so smorzato,
manco si co la scusa der diritto
me vonno dì che devo stamme zitto.

Da quanno che me chiameno Pasquino
discoro, come mo, da ‘sto cantone
‘ndove che strillo (senza fa casino)
pe via che vojo fa la bonazzione
de fa capì com’è che tante gente
se da da fa pe prenne la tangente.

Ma nun è solo de li tangentari
che vojo dì: ce so li giudicanti
da mette presto sotto li ripari,
da quanno certi malpoliticanti
li vonno fa davero tutti lessi
pe la fifa che c’hanno dei processi.

E nun abbasta: si quarcuno scrive
de certe puttanante der Guverno,
appresso manco que lo fanno vive
pe via che quarche mezzo padreterno
(Lui de le cose vere cià pavura)
je mette la mordacchia, lo cenzura.

E puro pe Pasquino, poveraccio,
vonno pijà quarche provediménto,
ma chi ce scrive fa: io ciarifaccio,
si me menate, doppo me lamento
ma ‘ndove troppi stanno zitti, boni,
quarcuno deve rompe li cojoni!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento



Lascia un commento