15 Giu 10

Cecco 69 torna a regalarci pasquinate di ardore “classico”, come nel suo stile. Anche qui c’è la sempiterna rassegna di potenti e poteri cui rivolgere la scure della punizione popolare: dai partiti ai gestori della cosa pubblica, dalle banche alla gestione delle pensioni.

FINZIONE

Se ‘na finzione me desse ‘r comannno,
er politico ar sòrdo der partito
là, dove ‘r vaffa incontra l’infinito,
faje capì le cose come stanno.

Subbito dopo vorrei puntà er dito
sopra l’addetto a la moneta urbana,
e co’ ‘n’azione semplice, spartana,
daje du’ carci e ‘nsieme ‘r benservito.

Fatto questo, ‘si come ‘na buriana,
calà su banche, borse e a li ladroni,
fajelo grosso come ‘na campana.

Farei barba e capelli  a le pensioni
che co’ ‘no straccio de legislatura…
Ma qui nun ce so’ santi, nè finzioni:

“Lavora ‘vecchio’ che la pelle è dura”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento