19 Mag 10

La pasquinata di oggi – come annunciato ieri – è ancora concentrata sugli attori della scena politica attuale, in particolare sulla triade di capi della maggioranza (chiamati “er duce nano”, “er matto de li celti” e “un fascio rinnovato”) e sulle beghe interne che ultimamente animano il loro partito. Ce n’è anche per l’opposizione e  per la pesantezza del suo “vuoto”, della sua assenza.

È TRISTE

Er Duce nano sta’ a ppassà ore brutte:
er matto de li celti lo minaccia
e tutte ‘e cortesie so’ ormai distrutte.
‘Sti stronzi giammai pèrdeno la faccia,
– è arduo assai perde pe’ strada ‘n culo.

Non passa mai a quarcuno pe’ la testa
de pensà che quer testardo come un mulo
de Fini possa fa’ ‘na lieta festa,
sarvà l’Itaja da li tempi grami,
niente più LodArfani né Cirami…
un fascio rinnovato è sempre quello:
è inutile vestì il lupo da agnello.

È triste da vedè tutto quer vòto
che c’è dall’altra parte in parlamento.
È triste sperà de cambià cor voto
dopo l’inganni, dopo ogni tradimento.

Triste è sperà la fine der nemico
co’ le su’ stesse mano, lì a guardare,
è triste assai, però ve lo ridico
non so’ ancora finite l’ore amare.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento