14 Mag 10

Alquanto singolare la pasquinata odierna, una lunga raccolta di versi in romanesco che hanno per tema due argomenti: il ruolo stesso del Pasquino e delle pasquinate e… una velata critica a certi autori di pasquinate.

Definita “Pasquinata sgangherata” dagli autori (che si firmano “I ragazzi del Primo Maggio”), la poesia ricorda come ruolo della statua sia quello di risvegliare le coscienze di chi crede ciecamente a ciò che il potere e i media gli raccontano. Con ironia, certo, ma non solo e puramente con scopo di intrattenimento comico.

A PASQUINO(TTO)

Pasquinata Sgangherata
dai ragazzi del Primo Maggio

Parlato che avevo co’ Pasquino
nun poi capi’ che sorpresa
scoprillo d’esse uno e trino!
Ma dillo ar popol tutto è n’offesa.

Pecchè Pasquino so’ tant’anni che fatica
pe’ dì quello che pensa, e nun p’ ‘a libertà,
ma solo pecchè qualche faccia antica
(da TG4) passanno legga quarcosa qua.

E leggenno po’ capì, finalmente, se spera,
che ‘a realtà nun è così come penza.
Nun basta pulì ‘r pavimento co ‘a cera
quanno ‘a puzza de merda è tutta ‘a stanza.

E mo me fermo, sebbene ho detto poco
ma Pasquino nun vo’ sentì certe parole,
e poi, se so’ per lui, ‘e pija come un gioco.

E allora Pasquì, co’ sto romanesco improvvisato
da chi de Roma non è,
sta pasquinata sgangherata
la dedico a te.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento