21 Mag 10

Il trittico di pasquinate romanesche anonime della settimana termina con un’altra tirata sui litigi tra Berlusconi, Bossi e Fini (definiti stavolta rispettivamente: “er venditore”, “er matto” e “er fascio rinnovato”) e sul potere del cosiddetto partito dell’astensione.

‘A MAGGIORANZA DE ‘STO CAZZO

‘Sti tre li sopportame da vent’anni:
er matto er fascio rinnovato e er venditore,
ce inculeno contenti e danno affanni
se scanneno pe’ ‘na fetta de potere.

Se scanneno e se odieno convinti
pe’ ppoi tornare boni amichi come prima:
se fan vedé co li visi dipinti
a fasse i complimenti pure in rima.

E l’ideale loro so’ li sòrdi
che pònno rimedià da sto teatrino
ché tanto qua so’ tutti muti o sordi,
làsseno fa’ quarziasi ladrocinio.

Cojone mille volte chi è convinto
che der Paese sieno la maggioranza;
l’astensionismo è quello ch’ha vinto,
primo partito de tutta sta mattanza.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento