12 Apr 10

Divertente e originale questa pasquinata che se la prende contro i manifesti elettorali appesi in ogni punto della città durante i periodi preposti, non solo negli spazi dedicati, ma spesso e volentieri anche dove l’affissione non è consentita. L’autore irride i faccioni da ladroni e le richieste di voto e conclude brillantemente, definendo la democrazia semplicemente come la possibilità di scegliersi il ladro che si preferisce!

UN CIALTRONE APPESO

Un cialtrone dal viso alquanto furbo
s’è issato al muro di una casa grigia
sotto forma di largo manifesto
e col suo muso lardoso dice:

“Votami!
Aiutami tu stesso,
di tua spontanea volontà sovrana
a rubare le tasse che spilliamo a te,
alla tua famiglia
per darle invece a me”.

Di facce oneste non ne trovo una.
Nessuno per fortuna importa niente.
questa è vera libertà e democrazia
che il ladro tuo
te lo scegli da te
.


Categoria: Italiane in versi

Trackback Uri



Lascia un commento