14 Apr 10

Come quella di ieri, anche quella odierna è una pasquinata di stampo “classico” nell’ambito dei suoi contenuti. I versi romaneschi di Cecco 69 se la prendono contro i “predicatori” (politici ma non solo), sempre pronti a promettere miracoli, salvo poi svelare quanto il fumo nasconda l’assenza di fatti.

DIO CE GUARDI

da ‘n pò de tempo in qua, grazie ar “progresso”,
a li gufacci, a li sabbotatori,
semo er Paese dei navigatori,
ma, per momento, navigamo er cesso.

Dio ce guardi da ‘sti predicatori
avvezzi a fa’ miracoli a richiesta,
perchè, passato er giorno de la festa,
l’arrosto è fumo e ‘r divenì dolori.

Ce guardi ancora Dio da chi s’appresta,
forse, a ‘mpugnà ‘r bastone der comanno,
ar motto, sua virtù, ‘n culo a chi resta.

Si pò’, pe’ dì’ le cose come stanno,
er “Fra Mzzocchio” pija er sopravvento,
bèh! questi allora te l’ariccommanno.

“ce guardi Dio pe’ cento vorte cento”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento