13 Apr 10

Quella di oggi si potrebbe presentare come la più classica delle pasquinate: versi romaneschi contro il potere ladro e prepotente come chi lo esercita. L’autore (anonimo) ne attualizza un po’ il contenuto, con evidenti riferimenti al Cavaliere e al suo esercito di satrapi, con riferimento finale ai fatti di Trani. Ma si può comunque dire che questa è la tipica pasquinata senza tempo, che difficilmente avrebbe sfigurato appesa al pasquino anche molti anni fa.

ALIBABBÀ E ‘PPIÙ DE QUARANTA LADRONI

Alibbabbà a ‘ntinto ‘ogni regionale
a Reggina Celi, Sollecciano e San Vittore
chi ‘ncora ‘nc’è ciamarcheno poc’ore
a le Vallette Ucciardone e Poggio Reale.

Er bajocco grinduno sa cià ‘nbon sapore
l’appello sceje chi j’annata male
politichi ‘bboni a ‘ffa ‘gni baccanale
er popolo li doverebbe fallo da cenzore!

‘Nse scordamo ‘ndo c’era Alibbabbà
la pena pe’ chi arubba la sapemo,
che le mani je vengheno a tajà.

Abbada sor Cavajè nun fa lo scemo!
Sti giannizzeri nu’ rimannalli a rirubbà
a ste botteche ‘gne po dì: “aprete sesamo!!”

St’esercito perciò de Franceschiello
pe le reggioni doverebbero da marcià
‘gni malefatta, tu je la poi ‘nzegnà
lo ponno combinà antro sfracello.

‘Nzinenta li delecati nun ponno giudicà
‘gni d’uno rossa cià toga e cappello,
‘ncianno più farce, ‘ncianno più martello
ma abbada! ch’er sorcio ‘npò sempre zazzà.

L’urtima fiji mio propio ‘nse regge
er Colle firmò ‘ndrecreto pe’ la cura
annanno ‘nse discore for de legge.

Se questa è democrazzia, mette pavura!!!
Da Trani Cavajè l’urtime schegge
la poi ‘nsabbià… m’arimane dittatura.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento