2 Mar 10

Una breve pasquinata, affidata ad un piccolo post-it, lancia i suoi versi sferzanti nei confronti di Daniele Capezzone, portavoce del PDL, con un accenno di dialetto romanesco.

Curiosa la parabola der prode Capezzone

da radicale libero a servo der padrone.

Ar nano lui molesto dà la voce

e a noi ce tocca da porta’ ‘sta croce.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento