17 Mar 10

Il Pasquino riemerso dal restauro aspetta ancora le prime pasquinate, ma nei giorni precedenti ci si chiedeva da più parti se ora la (nuovamente) bianca pietra della statua sarebbe tornata ad essere coperta dai foglietti e dalla colla oppure se si sarebbe provveduto ad una soluzione alternativa, cercando di preservare il più a lungo possibile il lavoro appena effettuato. Chi vi scrive ha ascoltato al riguardo pareri contrastanti tra “gli uomini della strada”.

Pare che i Beni Culturali abbiano detto la loro e così da un paio di giorni, accanto alla statua, è apparsa la bacheca in legno  che potete “ammirare” in foto, sulla quale evidentemente gli autori dei versi satirici sono invitati ad affiggere le loro pasquinate, senza deturpare la base marmorea.

Al di là delle considerazioni di natura estetica, che – in quanto soggettive – lascio ad ognuno di voi, ciò che lascia basito chi vi scrive è l’idea stessa di porre una bacheca accanto ad una statua simbolo della protesta, della satira, del verso irriverente e di attendersi che esse venga utilizzata al posto dell’immortale Pasquino. Senza contare – direbbero i maligni –  che la bacheca può essere anche agilmente portata via: la statua no! Insomma, l’idea appare un maldestro (anche se certamente involontario) tentativo di “istituzionalizzare”  e inquadrare persino un simbolo della protesta.

Sarò controcorrente e non intendo non rispettare il lavoro dei restauratori, ma mi immagino presto il Pasquino di nuovo coperto di fogli, di pasquinate, di versi e… pure di colla! La sola maniera per tornare a rivederlo vivo come un tempo.


Categoria: Varie

Trackback Uri


2 Comments

  • bevero says:

    Orrenda sì, ma forse utile. (Bello subito il confronto con il post successivo della pulizia della bacheca durata decisamente poco. Meno male aggiungerei! Non sarebbe Pasquino!

    • doriangray84 says:

      Non solo. La bacheca sta avendo un “grande successo” anche nel senso che il numero di pasquinate, successivamente alla “riapertura” della statua, è aumentato vertiginosamente. Forse anche perchè la bacheca stessa offre molto più spazio della base della statua. Così le vecchie possono rimanere per un bel po’, prima di essere strappate o “sovrascritte”. A me continua a piacere poco, ma se dà nuova vita a Pasquino… che ben vengano anche tutte le bacheche. 🙂



Lascia un commento